Villa Certosa Ghedini al Pd: «Non ci sono tombe fenicie»

Un’interrogazione al ministro dei Beni culturali Sandro Bondi sull’ipotesi di ritrovamento di 30 tombe fenicie nella villa in Sardegna del premier Silvio Berlusconi è stata presentata dai deputati del Pd Manuela Ghizzoni, Andrea Sarubbi, Emilia De Biasi e Giovanna Melandri. L’interrogazione ricorda che in base al Codice civile i beni archeologici «fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato». Il Codice dei Beni culturali, poi, che chi sia protagonista di questo tipo di ritrovamenti, «ne faccia denuncia entro 24 ore» alle autorità competenti. I deputati del Pd sottolineano invece che la sovraintendenza di Olbia «dichiara di non essere informata di tale rinvenimento». «Un’altra miserabile storia - replica l’avvocato Niccolò Ghedini -. Mai il presidente Berlusconi potrebbe averne parlato, perché mai nulla di simile si trova o è stato rinvenuto nell’area di Villa Certosa».