Il Viminale Stop alle gare in caso di cori razzisti

Verso la tolleranza zero per i cori razzisti negli stadi. Dopo quanto successo, soprattutto con l’attaccante nerazzurro Mario Balotelli, preso di mira dai cori di diverse tifoseri, secondo quanto si apprende da fonti del Viminale, il capo della Polizia, Antonio Manganelli, ha diramato ieri una circolare ai questori che inasprisce le misure di contrasto ai fenomeni di razzismo negli stadi, contemplando l’ipotesi di sospensione delle gare, non solo in caso di esposizione di striscioni a sfondo razzista, ma anche nell’ipotesi di cori che esprimono intolleranza razziale, etnica o religiosa. L’iniziativa, condivisa con il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, si pone l’obiettivo di mettere una volta per tutta la parola fine su quegli episodi di razzismo che più volte hanno avuto come protagoniste negative le curve degli stadi.