Vinòforum, sedici serate sotto il segno di Bacco

Andrea Cuomo

Quasi duecento produttori di tutta Italia e anche del resto del mondo. Cinquecento etichette in assaggio. Decine di degustazioni guidate, convegni, cene, eventi di spettacolo e arte. È questo Vinòforum 2006, evento unico nel suo genere a Roma, che per la sua terza edizione fa il salto di qualità. Innanzitutto cambia sede, spostandosi a piazzale Clodio (lato panoramica), dove godrà di maggiore spazio. E poi arricchisce il programma e la «carta» delle aziende partecipanti. Si parte il 26 maggio e si va avanti fino al 10 giugno per un totale di sedici serate tra vino e divertimento: fino al 2 giugno saranno protagonisti i produttori del Nord Italia. Poi, dal 3 fino alla fine, largo alle etichette del Centro-Sud. E che etichette: alcuni nomi? Da Nord a Sud Marchesi di Gresy, Parusso, Bellavista, Beretta, Colterenzio, Ricasoli, Avignonesi, Il Borro, Banfi, Umani Ronchi, La Valentina, Feudi di San Gregorio, Tasca d’Almerita. E poi gli Champagne (per dire: Veuve-Clicquot), gli interessanti vini sloveni e un tuffo nel nuovo mondo enologico (Argentina, Cile e Australia). Grande spazio al Lazio padrone di casa con tutti i migliori produttori, da Falesco a Casale del Giglio, da Castel de Paolis a Fontana Candida. Dal 26 maggio al 10 giugno tutte le sere (19-24, fino all’1 nei festivi, biglietto 10 euro comprensivo di bicchiere da degustazione in omaggio).