Vince 92 milioni alla lotteria L’anno dopo muore di stress

Si dice che i soldi non diano la felicità. Nel caso di Ralph Stebbins, un dipendente di una società di costruzioni del Michigan, negli Stati Uniti, una grande somma di denaro potrebbe aver addirittura condotto alla morte. Stebbins si è spento nella notte della vigilia di Natale. Una morte tanto improvvisa quanto clamorosa, considerando che è avvenuta esattamente venti mesi dopo che l’uomo ha vinto una somma impressionante alla famosa lotteria americana «Mega Millions». Il biglietto vincente dava a Stebbins il diritto di ricevere l’equivalente di 155 milioni di euro. Ma l’incredibile cifra gli sarebbe stata pagata a rate per 26 anni. Stebbins aveva dichiarato che il suo sogno principale era possedere una fattoria. Desiderio che il vitalizio gli avrebbe largamente permesso di realizzare. Ma che evidentemente deve essere mutato, perché il vincitore aveva infine scelto di incassare immediatamente una cifra inferiore, ma sempre gigantesca, circa 92 milioni di euro. Dopo aver riscosso la vincita, Stebbins e la moglie Mary avevano fatto perdere le proprie tracce. Fino a ieri, quando un portavoce della famiglia ha reso pubblico il decesso, causato da un attacco di cuore forse legato allo stress per la gestione dello spropositato colpo di fortuna. «Sembrava in salute», ha aggiunto il portavoce.