Vince l’arbitrato ma va verso Intesa

Carifirenze

Il vecchio arbitrato è vinto ma l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze non torna sui propri passi e conferma la volontà di confluire nel gruppo Intesa Sanpaolo. A deciderlo, all’unanimità, è stato ieri il comitato di indirizzo dell’Ente ribadendo al presidente Edoardo Speranza il mandato a condurre il negoziato con Ca’ de Sass. Il progetto prevede in ogni caso che la Cassa mantenga una quota nella banca toscana a tutela della vicinanza al territorio. Il verdetto del lodo arbitrale chiude, invece, un lungo braccio di ferro tra l’Ente Crf e Sanpaolo Imi che aveva esercitato un’opzione call per acquistare un ulteriore 10,78% di Cr Firenze. Un’opzione call che era stata contestata dall’Ente guidato da Speranza.