Vince il più bravo a suonare (per finta) la chitarra

La gara al Tunnel il 25, premio alla tecnica e alla faccia tosta. In palio uno strumento vero

Si terrà al Tunnel (via Sammartini 30), il prossimo 25 ottobre, la prima gara italiana di «Air guitar», espressione inglese con cui si indica il fingere di suonare la chitarra, seguendo l'assolo principale o la ritmica del brano che si sta ascoltando. La disciplina, come sanno tutti gli adolescenti e non solo, è semplice: basta mettere sul lettore cd un pezzo del proprio artista preferito e far finta di suonarlo con un'immaginaria chitarra d'aria. I primi «Air Guitarists» si sono radunati a Brigthon (sud dell’Inghilterra) nel 1995: complice qualche birra di troppo, facevano a gara a far finta di suonare per vedere chi era il migliore.
Folgoranti esempi, in questo senso, si possono trovare sul sito di video You Tube, cui si potranno ispirare i partecipanti al concorso milanese, che saranno valutati da una vera giuria di esperti, composta tra gli altri da Shel Shapiro, Dario Vergassola, David Riondino, Marco Limido e Amedeo Monetti. A loro il compito di valutare il complesso della prestazione live del performer, la tecnica, la creatività, l'abbigliamento e la faccia tosta. In premio, per il vincitore del 25 ottobre, una vera chitarra, la Fender Stratocaster Original, mentre tutti i primi cinque classificati saranno ammessi d'ufficio alle finali che si terranno il prossimo luglio. La manifestazione, infatti, verrà ripetuta con cadenza trimestrale durante tutto il corso dell'anno.
Per iscriversi, gratuitamente, ad Air Guitar Unplugged basta andare sul sito http://www.unpluggedairguitar.com, dove è anche prevista una regolare waiting list, come in aeroporto. (Info: 02-66711370)