Vince Raikkonen, ma anche Mosley

Kovalainen salvo grazie alle misure sulla sicurezza volute dal presidente Fia

Per un attimo proviamo a staccare lo sguardo dalle chiappe di Max Mosley mentre si fa infliggere sonore frustrate e concentriamoci sulle immagini del camera-car del povero Kovalainen. Per un istante proviamo a dimenticare l’orgia sadomaso con risvolti apparentemente nazisti del presidente della Federazione automobilistica mondiale e pensiamo all’impatto devastante del giovane pilota contro il muro di gomme che, va detto, è un guard rail fatto di vecchie ruote di Tir imbullonate fra loro. Giusto per chiarire, quando ci si finisce dritti dentro, magari a 220 all’ora come accaduto al finlandese della McLaren, fa molto molto male. Giusto per rafforzare il concetto, neppure dieci anni fa capitò a Schumacher, a Silverstone, e si ruppe una gamba.
Per un attimo proviamo a ricordare che se Heikki Kovalainen di anni 26 è vivo e, incredibile, illeso, se come lui può correre e scherzare Robert Kubica dopo il botto di Montreal, lo scorso anno, forse - e togliamo il forse - è molto merito del presidente Mosley che alla F1 ha imposto d’investire sulla sicurezza. Vabbè, l’ha imposto tra una scudisciata e l’altra, ma se il risultato è questo, allora chissenefrega.
SERVIZI ALLE PAGINE 32-33