La Vincenzi corre in difesa dei violenti del G8

«La città di Genova rivendica una commissione d’inchiesta sui fatti del G8. Chi ha votato contro la sua costituzione, ha voluto sommare ai giochi di potere del G8 i giochi di “palazzo” nella sua versione attuale, quella più deteriore»: così il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, in merito alla bocciatura dell’istituzione di una commissione d’inchiesta sul G8 di Genova da parte della commissione affari costituzionali della Camera.
«Genova - prosegue Vincenzi - è una città ferita dal G8. Una ferita che qualche deputato ha deciso di mantenere votando contro l’istituzione della commissione d’inchiesta. Questo non è un trabocchetto al governo Prodi, ma è un’offesa ai cittadini genovesi e alla ricerca trasparente della verità».
Ma le dichiarazioni della Vincenzi non sono passate in sordina.
«Il sindaco di Genova è irrispettosa e offensiva nei confronti del Parlamento e della sua sovranità. Nessun gioco di Palazzo nel respingere la vergognosa legge per la Commissione di inchiesta sul G8, ma la determinazione a rispettare l’inchiesta della magistratura e la volontà a non porre pregiudizialmente sul banco degli imputati le forze dell’ordine erigendo ad eroi i black-block»: è questo il commento del vice presidente dei deputati dell’ Udc, Maurizio Ronconi, alle dichiarazioni del primo cittadino di Genova.
«Un sindaco che si esprime come quello di Genova non merita nè attenzione e neppure la stima dei suoi cittadini che sono stati le prime vittime degli estremisti» dichiara Ronconi.
Intanto anche il ministro dell’Interno, Giuliano Amato, scende in campo.
«La ferità c’è, perchè i fatti del G8 debbono essere accertati, qualcosa di veramente grave allora è successo. C’è un tribunale che sta accertando la verità, ed è stata la giustizia ciò che Iddio ha inventato per accertare la verità degli uomini». Così il ministro dell’Interno Giuliano Amato commenta al Tg1 la votazione in commissione Affari costituzionali della Camera che ha bocciato l’istituzione di una commissione di inchiesta sui fatti del G8 di Genova.