Vincenzi e Piano: tra un anno metrò di superficie

Tra un anno Genova avrà una metropolitana di superficie. Collegherà il levante al ponente cittadino con una ventina di stazioni, 22 quelle per ora individuate, una ogni mille metri. L’architetto Renzo Piano e il sindaco di Genova Marta Vincenzi lo hanno annunciato al termine dell’incontro mensile di Urbanlab, il laboratorio per la revisione del piano regolatore cittadino guidato da Piano. «Pensiamo all’impiego di un binario di quelli già esistenti da dedicare alla bassissima velocità - ha spiegato Piano -. Tra Nervi, a Levante, e Voltri a ponente, dovrebbe viaggiare un treno a velocità urbana».
Vincenzi ha riferito di aver incontrato l’amministratore delegato del gruppo Ferrovie Mauro Moretti. «Puntiamo al trasporto integrato e l’occasione si presenta ora con l’avvio del nodo di Genova».
«Molte delle stazioni esistono già - ha precisato Piano -.
Ne abbiamo individuato alcune nuove, in particolare a Sestri Ponente. Una potrebbe essere nella zona di Fincantieri, l’altra nell’area di Esaote. Da qui, potrebbe partire un collegamento in verticale verso il villaggio tecnologico del progetto Leonardo agli Erzelli».