Vincenzi: «State in casa il più possibile»

Stato di allerta, ma ancora nessuna emergenza maltempo, nonostante la neve ieri sia fioccata senza sosta dalle 6.40 del mattino. Nel pomeriggio, dopo una riunione intorno al tavolo di coordinamento tra Comune, polizia Municipale, Provincia, Amiu e Amt il sindaco Marta Vincenzi, ha parlato di «massima attenzione per una situazione sotto controllo» pur invitando i cittadini a «non uscire di casa se non per estrema necessità fino alle 12 di domani (oggi, ndr)». Le priorità per il Comune erano due: «Garantire gli accessi alla città e in particolare agli ospedali - spiega il sindaco - e attenzione per le persone che hanno bisogno di essere sostenute e senza fissa dimora. Su questi fronti - garantisce Vincenzi - non ci sono stati particolari problemi». Disagio, invece, per i 42 abitanti del civico 7 di via Prè, l'edificio che già aveva subito un cedimento nelle scorse settimane: «In via precauzionale - spiega Stefano Francesca, capo staff del sindaco - le persone sono state provvisoriamente trasferite». Provvedimento rientrato in serata, a condizione che gli abitanti, assistiti amorevolmente dal presidente del municipio Centro-Est Aldo Siri, pernottassero nelle stanze più sicure. A metà pomeriggio «oltre 100 gli interventi della polizia municipale - riferisce il comandante Roberto Mangiardi - nessuno dei quali di particolare rilevanza». Qualche rallentamento anche per alcune linee Amt, «ma mai più di 4 collegamenti hanno subito un fermo contemporaneamente» precisa il dirigente Amt Paolo Trucco. Delle 121 linee, solo sei hanno subito stop. I problemi, naturalmente, sono avvenuti sulle alture della città. Zone in cui, sono intervenuti, alcuni dei 15 mezzi spargisale di Amt e dei 3 di Aster attivi in città. «Tutti costi aggiuntivi per il Comune, ma indispensabili - puntualizza Vincenzi - come le nuove asfaltature che saranno necessarie là dove il sale provocherà dissestamenti lungo strade e marciapiedi».