Vincere alla Playstation è più difficile

,

Accendo la playstation e la tv e, con il mio solito distacco, mi accingo a provare l'ultima versione di ISS Pro. «Caspita che roba» esclamo osservando attentamente quante siano le funzioni che prevede; e allora mi immergo subito nel nuovo gioco. Innanzi tutto devo scegliere e preparare la squadra, ma per questa volta non mi lascio guidare dal cuore, ma scelgo la società che mi dà maggiori garanzie di vittoria. Devo scegliere i giocatori, dicevo: inserisco nella rosa un congruo numero di giocatori italiani, possibilmente Nazionali, qualche affermato straniero e qualche giovane dalle belle speranze. Chiaramente, l'allenatore dovrà essere uno dei migliori.
«Accidenti, ma quante funzioni»: posso scegliere lo staff medico, posso scegliere le metodologie di allenamento e la preparazione atletica, in modo da arrivare con la squadra al top nei momenti importanti della stagione; a essere sincero, in quest'ultima funzione ho parecchie lacune. È il momento di stabilire il calendario, che viene fatto dal computer: io, però, posso dargli l'input di non farmi giocare determinate partite in determinati periodi dell'anno. Non si sa mai! Siamo quasi pronti, bisogna stabilire arbitri e guardalinee (non so perché ma in questa versione il quarto uomo non viene nemmeno considerato) e possiamo iniziare le prime partite. Inizio alla grande, senza registrare grandi opposizioni e guardo la classifica dall'alto!!! Posso rivedermi tutti i gol, anche quelli delle altre squadre, tutte le azioni dubbie alla moviola, ma se c'è qualcosa che non mi piace o che non mi va bene, con un tasto posso andare oltre e non guardarlo. Sono persino previste le pause per le partite della nazionale, e posso persino scegliere a quali giocatori far vestire la maglia azzurra: ma che gioco fantastico! I grandi problemi li trovo nelle competizioni europee: lì non sono ancora in grado di gestire bene il calendario e gli arbitri. E così, mi trovo, come dicevo prima, anche in difficoltà con la preparazione atletica: sta di fatto che il campionato che stavo dominando alla grande, lo sto dominando un po' meno. Pazienza, mi rifarò presto. Infatti, per uno strano caso, la partita successiva che gioco in trasferta, accade questo: il gioco mi da la possibilità di gestire la squadra avversaria come se i suoi giocatori fossero i miei; con qualche piccola accortezza, riesco a far sì che dopo 8 minuti di gioco sto vincendo 3 a 0!!!!!!........
Vostro onore, le giuro, davvero!!! Io stavo solo giocando alla playStation».
E il giudice: «Torni a sedere, signor Moggi, ne riparliamo più tardi. La difesa ha altri testi o altre prove da portare?»