«Vincere sull’Isola? Il mio segreto sarà la serenità»

Anna Maria Tarantino

Il volto è raggiante, il sorriso dirompente, frutto di un entusiasmo che non si smorza mai. Maria Giovanna Elmi, la «fatina» tanto amata dai telespettatori, ha appena concluso a Roma la preparazione per partecipare all’«Isola dei famosi». È euforica, felice di intraprendere un’esperienza nuova e di mettersi di nuovo alla prova in una sfida con se stessa.
Lei che è stata una delle protagoniste della televisione, cosa ne pensa di questi nuovi palinsesti dove regna sovrana la «politica» dei talk show e dei reality?
«La società cambia, si evolve, i costumi si rinnovano, ma sta al pubblico fare le proprie scelte. La formula dei reality è risultata vincente perché è una gara tra uomini e donne, una competizione stimolante proprio come avviene nella vita, e tutto questo genera un vivo interesse nel pubblico. La gara da sempre ha appassionato i telespettatori, abituati a seguire concorrenti che si confrontavano nei vari studi televisivi. Questi nuovi format che portano i partecipanti in luoghi sperduti affascinano perché lo spettatore si sente coinvolto nelle difficoltà dei partecipanti, e si viene a creare così una sinergia davvero stimolante».
Quali sono le paure che l’assalgono mentre si accinge ad affrontare quest’esperienza?
«Non ho fobie; amo la natura, quindi l’idea di trascorrere un periodo a pieno contatto con il verde, l’acqua e l’aria aperta mi riempie di gioia. Del resto tutti noi concorrenti porteremo un microfono sempre addosso, questo per segnalare eventuali malesseri. L’unica mia preoccupazione è quella di non deludere il pubblico che mi ama da sempre e che ora mi vedrà in un ruolo e in un contesto diverso dal solito. Sono convinta che con la forza di volontà si possono superare molte situazioni difficili, è una forza istintiva che spinge ad andare oltre l’ostacolo. Io sono una persona positiva pronta ad andare avanti con un pizzico di incoscienza e fatalismo».
Come si è preparata per affrontare il viaggio e il soggiorno sull’isola?
«Le prove acquatiche non mi preoccupano perché sono una buona nuotatrice, da sempre seguo corsi di nuoto. Ho invece fatto molta corsa per acquisire maggior fiato e tenere allenati i muscoli. Ho fatto inoltre tutte le vaccinazioni necessarie. Durante il “corso di sopravvivenza” mi sperimenterò, cercando di farcela in tutti i modi».
Come affronterà la lontananza dai suoi cari?
«Mio marito non sarà in studio, ma è una presenza rassicurante per me, mi ama e quindi è contento, sapendomi felice in questa parte di terra dove la natura è rigogliosa e per il suo splendore è stata dichiarata zona protetta. Lui e i miei fratelli sono idealmente sempre con me e mi seguono ovunque, trasmettendomi delle energie positive».