A Vinci e Anedda il «Giuseppe Dessì»

Sono Simona Vinci con Strada provinciale tre (Einaudi), e Antonella Anedda con Dal balcone del corpo (Mondadori), le vincitrici, nelle sezioni Narrativa e Poesia, della XXIII edizione del Premio letterario «Giuseppe Dessì». La Vinci si è imposta su Roberto Ferrucci con Cosa cambia (Marsilio) ed Enrico Brizzi con L’inattesa piega degli eventi (Baldini Castoldi), mentre l’Anedda era in gara con Michele Sovente e il suo Bradisismo (Garzanti) e Giuseppe Langella con Il moto perpetuo (Aragno). A causa della scomparsa di Idolina Landolfi, che faceva parte della giuria, la stessa ha deciso di dedicarle un premio, assegnato allo studioso Rodolfo Sacchettini, autore di un saggio sul padre, Tommaso Landolfi.