Il vino rosso migliora le nostre difese

Il resveratrolo è una molecola naturale sintetizzata da moltissime piante (almeno 72), in risposta a diversi stimoli, tra cui stress ambientali, infezioni da microrganismi ecc. Ritrovato anche in alcune piante utilizzate nella medicina tradizionale cinese, è presente in quantità considerevoli nella buccia dell’uva (da 50 a 100 microgrammi/g) e, di conseguenza, nel vino rosso dove la sua concentrazione può variare di molto a seconda della tipologia di vino e del processo di vinificazione. La sua fama ha avuto inizio nei primi anni Novanta, quando la presenza di resveratrolo nel vino rosso è stata associata al cosiddetto «paradosso dei francesi»: una bassa incidenza di malattie cardiovascolari nel Sud della Francia, nonostante una dieta ricca di grassi animali. Dopo questa prima osservazione la molecola è stata oggetto di moltissimi studi, che ne hanno messo in evidenza l’efficacia in diversi modelli sperimentali di patologia: cancro, malattie cardiovascolari, ischemia, malattie neurodegenerative, malattie da virus. Nell’ultimo mese il gruppo di David Sinclair della Harvard medical school di Boston ha pubblicato sulla rivista Nature una nuova scoperta: nei topi il resveratrolo è in grado di contrastare gli effetti dannosi indotti da una dieta ipercalorica e ricca di grassi, aumentandone la sopravvivenza. Nell’esperimento, topi di un anno sono stati suddivisi in tre gruppi: il primo era sottoposto a una dieta regolare per quantità e contenuto di grassi, il secondo a una dieta grassa e ipercalorica, il terzo gruppo riceveva la stessa dieta insieme a una dose giornaliera di resveratrolo. Dopo sei mesi, tutti i topi sottoposti a dieta ipercalorica ingrassavano, ma dopo un anno, quelli trattati con resveratrolo apparivano molto più sani del gruppo di controllo. Il trattamento sembrava prevenire il danno epatico e lo sviluppo di una malattia simil-diabetica, riducendo del 30 per cento il rischio di morte. Una scoperta rivoluzionaria? In teoria sì, se si considera il numero di persone obese e l’enorme costo sociale delle patologie connesse con questa condizione. In realtà, il mondo scientifico esprime parecchie critiche (alcune delle quali sembrano molto sensate), che consigliano prudenza a chiunque pensasse di abbandonare in tutta fretta la dieta per un buon bicchiere di vino rosso! Purtroppo, quindi, non possiamo ancora consigliare di annegare l’abbuffata natalizia nel vino rosso.
gloriasj@unipr.it