Vino, sempre più imprese «rosa»

I vini lombardi protagonisti assoluti per un'intera giornata. L'obiettivo: «Testimoniare in maniera forte e diretta, anche attraverso momenti di degustazione, che i nostri bianchi e i nostri rossi sono, a tutti gli effetti, sinonimo di eccellenza». Così Viviana Beccalossi, vicepresidente e assessore regionale all'Agricoltura, ha presentato ieri la sesta edizione della «Giornata dei Vini di Lombardia», organizzata al Circolo della Stampa di Milano dall'As.co.Vi.Lo. (Associazione Consorzi Vini Lombardi).
«Un appuntamento, quello di quest'anno, ancor più importante - continua Viviana Beccalossi - perché abbiamo deciso di giocare in casa. Facendo un parallelo con la stretta attualità, il riferimento corre alla recente approvazione della devolution, potremmo dire che oggi lanciamo il concetto di vino federalista. In estrema sintesi il concetto è chiaro e preciso: vino lombardo per i lombardi». Ben 85 le etichette degustate dai presenti, molte le donne. «Il binomio vino-donne - ha aggiunto la Beccalossi - sta assumendo interessi imprenditoriali: in Italia il 26% delle aziende vitivinicole è di proprietà o viene gestito da donne».