Viola al lavoro: via Bojinov ecco Ljunberg

Molte punte italiane all’estero ma qualcuna che c’era vuole tornare in serie A. Proprio al Manchester City di Sven Goran Eriksson è appena arrivato Rolando Bianchi e a Bernardo Corradi, ex Chievo, Inter e Lazio, è venuta una gran nostalgia di serie A: «Il mio obiettivo è l’Italia e ovviamente la Lazio è in cima ai miei pensieri. Adeguarmi al tetto salariale del cub non è un problema - ha concluso l’attaccante -, quando una cosa si vuole, si può fare, e tra persone intelligenti non è difficile trovare un accordo».
Eriksson scatenato sul mercato ma non avrà lo svedese Freddie Ljunberg. Il suo procuratore ha dichiarato che per rispetto ai tifosi dell’Arsenal, Freddie non giocherà mai in un altro club inglese e si riapre quindi la pista Fiorentina: «Anche se l’offerta del club viola - ha spiegato il procuratore Claes Elefalk -, è molto lontana dalla nostra richiesta. Quando si troverà l’accordo, ci incontreremo». E proprio ieri si è radunata la società dei Della Valle, con Adrian Mutu nuovo leader e il bulgaro Valeri Bojinov separato in casa e ufficialmente sul mercato. In Spagna si trasferisce Ricardo Oliveira: accettato lo stipendio da 1,9 milioni l’anno. il Milan tira un sospiro di sollievo.
Per il portoghese A Bola, il mercato della Juventus non è ancora finito e ci sarebbe spazio per Fernando Meira, vincitore della Bundesliga con lo Stoccarda. Ora che Legrottaglie è stato ceduto al Genoa, aumentano le probabilità che Ranieri chieda un altro centrale. Meira andrebbe ad affiancare Andrade, ricomponendo esattamente la coppia centrale del Portogallo in bianconero.