Viola l'obbligo di soggiorno, arrestato il capitano della squadra

Singolare e casuale arresto di un calciatore. Giorgio Christian Buontempo, capitano dell'Atletico Capurso, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver violato le norme sulla sorveglianza speciale: non poteva incontrare i suoi compagni di squadra

Giorgio Christian Buontempo, capitano della squadra di calcio dell'Atletico Capurso, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver violato le norme sulla sorveglianza speciale.
Buontempo nonostante l'obbligo di soggiornare a Bari, ha disputato domenica l'incontro di calcio nel campo comunale di Capurso contro il Milan Club Molfetta, partita in programma per il campionato regionale di Seconda Categoria.
La sua identificazione è stata casuale in quanto la partita è stata sospesa allo scadere del primo tempo, dopo alcune contestazioni e tafferugli sugli spalti.
È stato a questo punto che i carabinieri hanno accertato la presenza di Buontempo che non avrebbe potuto frequentare cinque dei suoi compagni di squadra, tutti con precedenti penali, uno dei quali arrestato per associazione mafiosa e un altro sottoposto a Daspo.
Inevitabile a quel punto è stato l'arresto per il capitano della squadra subito trasferito nel carcere di Bari.
Buontempo, secondo i militari, avrebbe regolarmente disputato altri 5 incontri tra settembre e ottobre.