Violata la par condicio Solo un richiamo al Tg3 "Spazio al centrodestra"

<p>
Dopo l'esposto del Pdl, che contestava &quot;l'intervento a microfono aperto in collegamento con
l’onorevole Di Pietro&quot; il 20 maggio scorso, l'Agcom richiama il Tg3 a dare spazio entro domani a un esponente dello schieramento opposto
</p>

L'Agcom ha richiamato il Tg3 a dare spazio, entro domani, a un esponente del centrodestra, dopo l'intervista del 20 maggio al leader Idv Antonio Di Pietro, sui temi del ballottaggio di Napoli. Lo ha deciso l'Autorità garante nelle comunicazioni, dopo l'esame degli esposti presentati. La Commissione servizi e prodotti dell'Autorità, informa una nota, ha esaminato gli esposti pervenuti e ha deliberato, a maggioranza, di richiamare il Tg3 a dare spazio a un esponente dello schieramento opposto a quello dell'on. Di Pietro, in relazione all'intervista di questi trasmessa il 20 maggio scorso sui temi del ballottaggio di Napoli. Inoltre, la Commissione, alla luce dei dati del monitoraggio radiotelevisivo nella settimana 15-21 maggio, ha invitato Studio Aperto ha attenersi fino alla fine della campagna elettorale ad un rigoroso equilibrio dell'informazione.

Secondo quanto si apprende, a votare contro è stato il commissario Antonio Martusciello. Favorevoli gli altri quattro membri della Commissione, compreso il presidente Corrado Calabrò. La Commissione, nel decidere il richiamo al Tg3, ha esaminato un esposto presentato dal capogruppo del Pdl in Commissione di Vigilanza Rai, Alessio Butti, che contestava "l’intervento a microfono aperto in collegamento con l’onorevole Di Pietro", "non solo - secondo il senatore - non riequilibrato nei giorni successivi, ma anche in aperta violazione con quanto sancito dalla delibera Agcom dell’aprile 2011". Sul tema quattro commissari Agcom (oltre a Martusciello, Stefano Mannoni, Roberto Napoli, Enzo Savarese) avevano chiesto di aprire un’istruttoria. 

"Si tratta di un richiamo -  replica il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer - che sembra rispondere in primo luogo a esigenze di equilibrio politico, teso a dimostrare una sorta di par-condicio nelle violazioni e di conseguenza nelle sanzioni, pur se significativamente diversificate. Al TG3 viene rimproverata un’intervista ad Antonio Di Pietro trasmessa mentre quasi tutte le altre televisioni ospitavano un soliloquio di Silvio Berlusconi, ma si dimentica che in quella settimana, nei giorni precedenti, nella stessa collocazione, al TG delle 19, con una durata pressochè uguale erano stati intervistati due esponenti del centrodestra. Accolgo comunque l’invito dell’Agcom perchè riconosco l’autorità e la funzione preziosa di questo organismo e stasera intervistiamo il senatore Gaetano Quagliariello autorevole esponente del PdL, collegato con noi da Napoli".