Violavano i dati dei computer: 3 vigili condannati

Tre vigili urbani che dai loro uffici in Procura si introducevano nei computer per conoscere i segreti delle indagini in corso sono stati condannati ieri per il reato di accesso abusivo in sistema informatico. I tre «ghisa» erano stati scoperti in seguito ad alcuni controlli disposti dal pubblico ministero Grazia Pradella; insieme a loro era stata incriminata anche una impiegata del palazzo di giustizia. Le pene inflitte agli imputati vanno dagli otto mesi all’anno e mezzo di carcere, che non rischiano comunque di scontare in quanto coperti dall’indulto varato l’anno scorso. Uno dei vigili sotto accusa aveva lavorato nell’ufficio del pm Gherardo Colombo.