Violenza, mille firme a favore della castrazione chimica per gli stupratori

NordDestra ha distribuito in piazza i kit di difesa per le donne ed ha avviato la campagna contro pedofili e violentatori. Ora la battaglia si sposta dalle piazze alla rete e prosegue on line su Facebook

Sono oltre mille le firme raccolte nella petizione per la pena della castrazione chimica di stupratori e pedofili. Tante le persone il fila ai gazebo di NordDestra, in piazza Cairoli fino alla scorsa domenica, per la campagna Difesa rosa. «Un bilancio lusinghiero che neanche l'assalto dei centri sociali di sabato scorso ha potuto inficiare - sostiene Carla De Albertis, candidata di NordDestra alla Provincia di Milano - Tante donne ci hanno chiesto i kit per la difesa personale a conferma del fatto che l'allarme sicurezza in città è molto sentito».
La campagna a favore della castrazione chimica per chi è stato accusato di aver commesso violenze sessuali ora si sposta dalle piazze a Internet e prosegue con una raccolta di adesioni via Facebook. «le donne - prosegue la De Albertis - chiedono di essere attrezzate a fronteggiare il pericolo, anche da sole. Di fronte al dilagare della violenza è necessario agire con fermezza, senza alcuna remora buonista. La castrazione chimica è un valido deterrente».