Il violino di Kavakos per un Dvorak raro

Il violinista greco Leonidas Kavakos e gli altri archi solisti dell’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia insieme nel concerto del 15 febbraio, alle ore 21, nella Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica. In programma il raro Terzetto di Antonin Dvoràk e due pagine di altrettanti autori che hanno consegnato numerosi capolavori alla storia della musica da camera: il Sestetto op. 18 di Johannes Brahms e l’Ottetto op. 20 di Felix Mendelssohn, composto quando l’autore aveva solo 16 anni. Conteso dalle più importanti orchestre del mondo, compresi i Berliner Philharmoniker, Kavakos è, dall’anno scorso, direttore artistico della celebre orchestra da camera Camerata Salzburg.