Il violino di Leonidas Kavakos tra Weber e Schumann alla Scala

Questa sera, in Conservatorio (ore 21), Andras Schiff, il pianista ungherese naturalizzato fiorentino, chiude il fortunato ciclo in omaggio a Mozart. Alla Scala (ore 20), è di scena il violinista Leonidas Kavakos, caso geografico: proviene dalla Grecia, avara di musica. Sarà violinista e direttore della Filarmonica scaligera in un viaggio attraverso Weber, Mendelssohn e Schumann. Al Quartetto, domani (Conservatorio, ore 20.30), giunge da New York il Quartetto Emerson: trent’anni di carriera, collaborazioni con artisti di rango, come Isaac Stern e Paul McCartney. In contemporanea (ore 20), alla Scala, debutta Alcina di Haendel diretta da Giovanni Antonini per la regia di Robert Carsen. Giovedì, venerdì e domenica, all’Auditorium Cariplo Orchestra e Coro Verdi propongono Canti di Tosti e pagine dal Rigoletto di Verdi. Al Dal Verme, con l’Orchestra dei Pomeriggi, giovedì e sabato si potrà ascoltare una rarità come il Concerto di Hummel con Baglini al pianoforte.