Virtus: a Le Mans serve l’impresa

Domani in coppa Uleb bisognerà recuperare i 13 punti dell’andata

Marcello Castaldi

Roma si gioca tutto: Coppa Italia, Uleb Cup e Scudetto. La sofferta vittoria della Lottomatica contro la Navigo.it Teramo nell’ultimo turno di regular season, sabato scorso, ha messo al riparo i capitolini da tutta una serie di problematiche, non ultima, quella di una clamorosa eliminazione dalle Final Eight di Coppa Italia previste a Forlì tra poco più di un mese.
Poteva andare davvero male alla Virtus se solo Crispin, play di Teramo, avesse segnato una delle triple che ha fallito negli ultimi minuti della gara contro Roma: era ben al corrente dei rischi che stava correndo la squadra coach Pesic, tanto da esplodere impetuosamente a fine match, sfogando la sua insoddisfazione in una conferenza stampa che ha toccato vari punti, non ultimo le dirette responsabilità dei giocatori, rei di aver mollato troppo in fase difensiva. Ha fiutato la trappola Pesic, ha capito subito le pericolose conseguenza di un eventuale passo falso contro Teramo, a soli 7 giorni dalla più pericolosa delle trasferte: Milano. Avesse lasciato i due punti sabato scorso, Milano avrebbe lottato fino all’ultimo per vincere e impedire così ai romani di centrare la qualificazione alle finali di Coppa Italia. Ma prima della temibile trasferta lombarda, Roma si appresta a vivere la prima vera partita thriller della stagione: domani a Le Mans, la Lottomatica, si gioca la qualificazione agli ottavi di Uleb Cup. Un solo posto a disposizione nel girone D, e se lo giocheranno Roma e Le Mans: i francesi partono con una dote di 13 punti conquistati all’andata proprio nella capitale (vittoria per 78-65) ma una sottile speranza potrebbe aiutare la Virtus. Se Gerusalemme, infatti, andasse a vincere in casa della Stella Rossa di Belgrado, a Bodiroga e compagni basterebbe vincere a Le Mans di un solo punto.
Partita difficile, ostica quella contro i transalpini: Le Mans è in ottima condizione di forma, gioca un basket essenziale, velocissimo e agli uomini di Pesic, serve l’impresa per puntare alla vittoria. Ma se l’Uleb Cup è appesa a una flebile speranza, in campionato e per le finali di Coppa Italia, l’orizzonte è diverso. Subito a ridosso delle prime, Roma è stata a lungo a 2 sole lunghezze da Treviso capolista, ma è l’ultimo arrivato che potrebbe cambiare il destino della Virtus, alla luce dello straordinario esordio. Parliamo di Obinna Ekezie. Il nuovo centro di Roma ha segnato 19 punti e conquistato 11 rimbalzi nella sua prima uscita stagionale: una «doppia doppia» che la dice lunga sulle reali potenzialità del giocatore ex Nba.