La Virtus con Scafati E domani il sorteggio europeo

Settimana decisiva per capire le reali ambizioni della Lottomatica. Quattro gli snodi cruciali, le date da cerchiare in rosso sul calendario: anzitutto la giornata di oggi, in cui andrà in scena la gara interna contro una Legea Scafati assetata di punti, gli stessi che la Virtus non potrà più lasciare per strada se vorrà tentare sul serio l’assalto al fortino di Siena. Domani, invece, occhi puntati sul sorteggio per la Top 16 di Eurolega: la squadra di Repesa sarà inserita nella fascia più bassa, la quarta, dopo avere gettato alle ortiche l’occasione di piegare giovedì il già eliminato Roanne, giocando senza voglia una buona mezz’ora e tornando a premere solo nell’ultimo quarto. Ukic è stato l’unico barlume di luce in una notte senza stelle (19 punti a referto per lui, contro i 22 dell'mvp Pape Badiane), ma «quella contro i francesi non era una gara decisiva - precisa il capitano Alessandro Tonolli -. Avremmo potuto centrare il quarto posto ed evitare alcuni abbinamenti, però a questo punto della competizione le squadre rimaste sono tutte forti». In ogni caso non sarebbe male schivare, almeno per il momento, le corazzate Cska e Panathinaikos, sebbene le altre abbiano i loro assi nella manica e un roster di primissimo livello.
Da giovedì, invece, fari puntati sul PalaMalaguti di Casalecchio per le Final Eight di Coppa Italia. La Lottomatica giocherà alle 20.30 con Bologna e, se dovesse passare il turno, quasi certamente sul suo cammino troverà Montepaschi, dando vita al più probabile antipasto delle finali Scudetto. «Non sarà facile - ammette Tonno - ma dobbiamo arrivare fino in fondo, vogliamo questo trofeo». Per fortuna le ragioni per essere ottimisti non mancano: Jon Stefansson ha quasi recuperato del tutto la condizione (giovedì ha giocato 25 minuti ed è riuscito ad andare in doppia cifra), mentre Rodrigo De La Fuente sembra avere digerito tutti gli schemi di Repesa. Prima della Coppa Italia e dei sorteggi, comunque, meglio archiviare la pratica Scafati, «la classica partita in cui abbiamo tutto da perdere», come sintetizza il capitano.