Vista bocciato nelle scuole inglesi

Niente Vista per gli studenti inglesi: la migrazione delle macchine impiegate nelle scuole costerebbe troppo e servirebbe a poco, dato che «gran parte delle novità sono pensate per le esigenze dell’industria e non certo per quelle dell’educazione», dice la British Educational Communications and Technology Agency. Tra i costi per aggiornare l’hardware (solo il 5-6% delle macchine scolastiche potrebbe sfruttare Aero, tanto per dirne una) e le parcelle dei tecnici, sostiene l’agenzia, l’investimento sarebbe attorno ai 160 milioni di sterline. Decisamente troppo, ma come non bastasse l’agenzia avanza anche dubbi sull’affidabilità del sistema, ricordando che per trasformare Xp in qualcosa di usabile ci sono voluti tre anni e il rilascio del gigantesco Sp2.