Visto da destra e visto da sinistra

Il film-documentario La rabbia, realizzato nel 1963 da... due mani destre (quelle di Giovannino Guareschi) e due sinistre (quelle di Pier Paolo Pasolini), ebbe una genesi piuttosto macchinosa. Il produttore, Gastone Ferranti (Opus Film), chiese a Pasolini di scegliersi un contraltare che sostenesse una tesi opposta alla sua. Pasolini propose una «rosa» di nomi tra cui quello di Indro Montanelli. Ma alla fine la scelta cadde su Guareschi. La pellicola (nella foto la locandina) è un montaggio dedicato ai principali avvenimenti politici, sociali, religiosi, mondani degli anni ’50 e ’60.