Una vita da antagonista

Antonio Negri ha insegnato Scienze politiche alle Università di Padova e Parigi. Leader di Autonomia operaia, nel 1979 viene arrestato. Resta in carcere fino al 1983, quando è eletto in Parlamento. Poi, alla vigilia della revoca dell’immunità, va in Francia per sottrarsi all’arresto. Ci rimane fino al 1997, anno in cui scrive, con Michael Hardt, Impero (uscito in Italia da Rizzoli nel 2002). Tornato in Italia, finisce di nuovo in carcere dove comincia a godere di permessi speciali e viene definitivamente liberato nel 2003. Nel 2004, sempre con Hardt, scrive Moltitudine. Sono appena usciti da Raffaello Cortina Movimenti nell’Impero. Passaggi e paesaggi e, da DeriveApprodi, Spinoza. Oltre a Kairòs, alma venus multitudo. Nove lezioni impartite a me stesso (Manifestolibri), a marzo è prevista la pubblicazione, per Feltrinelli, di Interregno. Intervista sulla crisi della sinistra nel mondo.