Vita da cani tra padroni da salvare e spacciatori da arrestare

Massacarrara, si dice a scuola durante l’elenco delle province della Toscana. E pazienza se Massa e tutt’altra cosa rispetto a Carrara, se sono due città ben distinte. A recitare Massacarraratuttoattaccato è oggi il mondo del calcio. Perché le esigenze pallonare stabiliscono che Massacarrara è un tutt’uno. La Lega Dilettanti ha infatti stabilito che la Massese 1919 disputerà le partite interne allo stadio Quartieri di Aulla (Massa Carrara) assecondando una richiesta della società, costretta finora a soluzioni provvisorie. La Massese, infatti, è senza stadio dall’inizio del campionato a causa del mancato accordo con il Comune per usufruire dello stadio degli Oliveti. La squadra giocherà al Quartieri già da domani contro il Ponsacco. Per le prime tre partite in casa la società apuana ha dovuto chiedere ospitalità altrove. La prima gara casalinga prevista contro l’Armando Picchi di Livorno si è disputata a Livorno; la seconda in casa è stata giocata ad Aulla, mentre la terza - il derby con la Lucchese di due domeniche fa - è stata persa a tavolino proprio perché non aveva uno stadio dove giocare. La Massese rischiava la radiazione dalla Lega Dilettanti ma il pericolo è stato scongiurato avendo trovato nei tempi richiesti un’alternativa.