La vita dal carcere di Natascha

Come in una sit-com dal sapore surreale, Natascha e il suo aguzzino si erano costruiti un assurdo equilibrio fatto di piccole cose, la casa era il loro universo. Come una perfetta mogliettina lei puliva, preparava stufato con patate e aspettava che Priklopil tornasse dal lavoro. Memorie che ora sono state raccolte in un libro che uscirà in libreria giovedì. È la storia di questa bambina austriaca rapita e tenuta reclusa fino al 23 agosto, quando, ormai diciottenne, è riuscita a scappare dal suo aguzzino morto suicida.