Vita e avventure di una pianta

Il bello di essere pianta è il titolo del libro, squisito, di Patrick Blanc, botanico francese e ricercatore del Cnrs (Bollati Boringhieri, pagg. 96, euro 16, trad. Lucia Airoldi). La trama: una piccola e arguta pianta del sottobosco tropicale riflette su di sé e sulla vita, circondata da piantine come lei, ma anche da piante assai più competitive: «La più forte elimina la più debole rubandole acqua e sali minerali. Poverette, il risultato è molto triste, poiché questo vigore deriva dalla terribile monotonia dei vincenti. Si direbbe si credano animali o uomini». Tra similitudini con i comportamenti umani passando attraverso i rapporti ecologicamente (s)corretti, la morale è una: il patrimonio naturale (e dello spirito) va preservato e rispettato. A beneficio di tutti.