Vita da innocenti dietro le sbarre

Una mostra-reportage che documenta la condizione di madri e bambini nelle carceri italiane attraverso le immagini raccolte da 5 fotografi in altrettanti istituti penitenziari femminili. La rassegna «Che ci faccio io qui? - I bambini nelle carceri italiane», sarà ospitata da domani alla Camera dei deputati.
La mostra nasce dalla collaborazione tra l’agenzia Contrasto e l’associazione di volontariato «A Roma, insieme», impegnata da 13 anni con le donne del carcere romano di Rebibbia e con i loro figli, che fino a 3 anni vivono con le madri l’esperienza della detenzione, con l’obiettivo principale che «nessun bambino varchi più la soglia di un carcere».
Le fotografie raccontano la vita quotidiana di queste donne e dei loro figli in carcere, una realtà spesso sconosciuta. «Se infatti molti sono stati i contributi fotografici rivolti alla situazione penitenziaria, manca un lavoro completo e specificamente dedicato alle madri e ai bambini in carcere, capace - spiegano i curatori dell’iniziativa - di documentare l’intera situazione nel nostro Paese e offrire uno sguardo complessivo su questa drammatica situazione».
Il reportage è stato realizzato da Francesco Cocco, Marcello Bonfanti, Luigi Gariglio, Mikhael Ralph Subotzky e Riccardo Venturi. Le foto sono state scattate nelle carceri femminili di Roma-Rebibbia, Avellino-Bellizzi Irpino-Pozzuoli, Milano-San Vittore, Torino-Lo Russo e Cutugno, Venezia-Giudecca.
La mostra sarà inaugurata alle 17 nella sala del Cenacolo e nella sala della Sacrestia in vicolo Valdina.