Viterbo, scalo più vicino

«Se un quotidiano importante e autorevole come Il Sole-24 ore pone Viterbo come favorita per la scelta del terzo scalo aeroportuale del Lazio, significa che il lavoro che stiamo portando avanti con impegno e costanza va nella giusta direzione». La ha dichiarato il presidente della Provincia di Viterbo, Alessandro Mazzoli, commentando un servio pubblicato ieri sul quotidiano economico, che passa in rassegna i requisiti delle varie città del Lazio candidate ad ospitare il nuovo aeroporto laziale. Tra i punti che pongono il capoluogo della Tuscia in prima linea, secondo il foglio economico, ci sono la vicinanza con l’autostrada del Sole e con il porto di Civitavecchia. «A questi - dice Mazzoli - vanno poi ad aggiungersi le positive valutazioni tecniche già avanzate da Enac e Enav sul fronte della sicurezza». Il presidente della Provincia di Viterbo conclude sottolineando che «anche importanti compagnie low cost, in particolare quella leader nel settore, la Ryanair, abbiano manifestato il proprio interesse per Viterbo e, soprattutto, la volontà di investire nel terzo scalo, è un ulteriore elemento di fiducia su cui può contare il nostro territorio». Esiste però a Viterbo anche un comitato che si oppone all’aeroporto. Un comitato al quale ha espresso la sua solidarietà anche il magistrato Ferdinando Imposimato. Nei prossimi giorni sono previste manifestazione e iniziative «in difesa del diritto dei cittadini a essere informati e a decidere insieme e consapevolmente su scelte che possono avere conseguenze gravissime per tutti».