La vittima Aveva 24 anni e si era appena laureata

Roberta aveva 24 anni e solo da qualche mese aveva centrato un importante obiettivo: quello di laurearsi, dando soddisfazione ai genitori che avevano investito su di lei sogni e speranze. Progetti cancellati in una frazione di secondi, da un operaio imbottito di droga che si è schiantato contro l’auto della ragazza, uccidendola. «Una tragedia che ha sconvolto la comunità - ha dichiarato il sindaco di Arese Gino Perferi -; conosco la famiglia e so quante speranze aveva riposto in lei. Il loro dolore è condiviso dall’amministrazione, e sono certo, da tutti gli aresini». Roberta non era quel genere di ragazze che, con la laurea in tasca aspettano il grande momento per poterla spendere al meglio. Si era rimboccata le maniche e in attesa dell’opportunità giusta, timbrava il cartellino come commessa, in uno dei centri commerciali della zona. «Una ragazza solare, benvoluta per il suo carattere dolce e socievole», ha ricordato. Aveva tante amiche, alcune delle quali l’hanno vista morire l’altra sera; il fine settimana rientrava a casa prima di mezzanotte: ieri mattina sarebbe dovuta andare a lavoro.