Vittime dei furti scelte dai panni stesi

Se non era abbastanza il caos che ha fatto scoppiare nel comune spezzino di Ortonovo Massimo Ciancimino cambia riviera ma porta con sé polemiche tutte interne al centrosinistra. Sta facendo discutere, infatti, a Savona la presenza del figlio dell’ex sindaco di Palermo condannato per associazione mafiosa che sarà oggi alle 18 alla Sala della Sibilla per presentare il suo libro «Don Vito. Le relazioni segrete tra Stato e mafia» in un evento organizzato dalla libreria Ubik. Ma la sua figura è legata soprattutto ad una serie di dichiarazioni rese alla procura di Palermo che avrebbero visto coinvolti Berlusconi e Dell’Utri in vicende legate all’ambito della mafia siciliana: espressioni ritenute inattendibili dagli stessi giudici.
Se per bloccare l’evento della Spezia si era mosso il responsabile nazionale della giustizia del Pd Andrea Orlando, questa volta a muoversi è stato il segretario provinciale savonese del Pd Livio Di Tullio che nei giorni scorsi ha chiesto «se è necessario far intervenire Ciancimino a promuovere il suo libro in una sala comunale». Il figlio dell’ex sindaco di Palermo è lui stesso indagato per mafia e Di Tullio ha anche ricordato come «non abbia mai interrotto quei rapporti».
Dal Comune di Savona hanno replicato spiegando che nessun patrocinio è stato concesso agli organizzatori e che la sala del Priamar è regolarmente pagata.