Vivarelli lascia Le nozze slittano a fine anno

La Popolare Intra evita il commissariamento ma vede sfumare il progetto di realizzare l’aggregazione con un’altra banca entro l’estate. Dopo aver subito l’interdizione dalla Procura di Milano nell’ambito della vicenda Finpart, il consigliere Lanfranco Vivarelli si è dimesso ieri e ha fatto così cadere, anche formalmente, la maggioranza del consiglio, con la conseguente necessità di convocare l’assemblea dei soci per il 29 luglio per integrare i consiglieri mancanti. L’aggregazione quindi slitterà a fine anno anche perché, sottolineano fonti vicine all’istituto verbanese, le banche in lizza vorranno esaminare i dati della semestrale 2006, essendo quelli del bilancio 2005, forniti nei mesi scorsi ai partecipanti con l’ausilio dell’advisor Mediobanca, ormai superati. Intanto in Borsa la Popolare Intra ha recuperato terreno, chiudendo con un rialzo del 2,05 per cento.