La vocazione delle palanche

Molti liguri sono diventati protagonisti dell'epopea americana. La «Del Monte», ad esempio, prima industria californiana per l'inscatolamento di frutta e verdura, è stata fondata dai liguri Fontana e Cerrati. Stessa origine per Andrea Sbarboro, uno dei primi italiani che è diventato banchiere negli Stati Uniti e finanziatore di molte delle aziende vinicole della California. Che la vocazione di banchiere si addicesse ai genovesi è storicamente accertato, ma che il binomio Genova e palanche non fosse solo un sinonimo di tirchieria è stato smentito da Amedeo Peter Giannini, nato nel 1870 a San Josè in California, da genitori emigrati da Favale di Malgaro, borgo della Val Fontanabuona, alle spalle di Rapallo. Giannini, divenuto direttore di banca a San Francisco, si batté invano per ottenere trattamenti più favorevoli ai clienti meno abbienti, finché, nel 1904, aprì la Bank of Italy in un saloon di North Beach, la zona povera abitata da italiani. Gli emigranti diventarono i suoi più assidui clienti, dato che per spedire i risparmi in Italia il tasso era solo del 2%, a differenza del 6% preteso da altre banche. Nel giro di trent'anni, la Bank of Italy si trasformò in Bank of America, con 423 filiali in 255 città della California.
Non si contano i finanziamenti di Giannini in favore della ricerca in campo agricolo e nel sostegno finanziario allo sforzo bellico americano durante la seconda guerra mondiale. Nel dopoguerra, il banchiere anticipò al governo americano gli importi di tutte le spedizioni dirette in Italia, previste dal Piano Marshall per la ricostruzione, senza chiedere interessi. Nel 1945 Amedeo Giannini si ritirò dopo aver annunciato che la sua banca era diventata la più grande del mondo.
Anche in Sud America vi sono storie di successi, ma non sempre nella prima generazione. È il caso dei «carbunin zeneixi» che, a cavallo tra 800 e 900, vendendo legna, carbone, patate e cipolle, permisero ai loro figli di studiare e di affermarsi in Argentina nel settore imprenditoriale e delle libere professioni. Teresa Ratto, nata nel 1877 a Concepciòn, da genitori originari di Vobbia, in Valle Scrivia, divenne una delle prime donne medico d'Argentina.
Non manca lo spirito missionario tra i liguri nel nuovo mondo. E Suor Blandina, al secolo Maria Rosa Segale, nata a Cicagna (entroterra genovese) nel 1850, è un esempio significativo. Emigrata negli Usa a soli 4 anni, prese il velo a Cincinnati e percorse tutto il Sud-Ovest visitando prigioni, assistendo i poveri e facendo costruire scuole e orfanotrofi. Durante un viaggio con una consorella attraverso il New Mexico, affrontò il famigerato pistolero Billy The Kid che aveva assalito la diligenza. Comprendendo di avere di fronte una suora e, per di più, tanto coraggiosa da chiedergli di riporre le armi, il bandito rinunciò alla rapina e scortò la diligenza fino a destinazione. Le circa quaranta associazioni mondiali di discendenti degli emigranti liguri mantengono viva la storia dei loro antenati e il legame con la terra d'origine.
La Regione Liguria prevede, per il 2007, la messa in linea del portale telematico dei liguri nel mondo, in attesa di realizzare a Genova il museo dell'emigrazione, ispirato a quello di Ellis Island a New York.