La voce dello stadio? È un juventino...

Lo chiamavano «Estintori Meteor» perché era diventato quasi più famoso annunciando quella pubblicità cult che le formazioni delle squadre. Giovanni Marsotto è stato per 35 anni la voce dello stadio di San Siro prima che Milan e Inter facessero per conto proprio, un po’ all’americana. Pensare che il suo primo compito, era il 1959, fu riempire le buche dello campo. I derby li ha annunciati tutti lui, comprese le partite a porte chiuse, si è impappinato solo con Pelè, racconta che le emozioni più grandi sono state la prima dei mondiali ’90 tra Argentina e Camerun e quando una volta accompagnò in campo Filippo d’Inghilterra. Ha sempre amato Nereo Rocco e Angelo Moratti. Peccato solo una cosa: «Io sono juventino... ».