Voci d’interesse di Cisco E Nokia corre in Borsa

da Milano

Potrebbe essere la nuova telenovela dell’estate, innescata dalla febbre delle fusioni nel settore delle Tlc che nel primo semestre hanno raggiunto solo in Usa la rispettabile somma di 112,9 miliardi di dollari: l’americana Cisco Systems starebbe valutando la possibilità di acquistare la finlandese Nokia per impadronirsi della tecnologia delle telecomunicazioni senza cavo.
E, nonostante una tardiva smentita della Nokia, l’indiscrezione pubblicata dal londinese The Business è stata presa per buona dalla Borsa di Helsinki: i titoli della società hanno chiuso ieri in progresso dell’1,1%, dopo essere arrivati a sfiorare anche il 2 per cento. Secondo The Business, Cisco avrebbe indentificato in Nokia l’obiettivo migliore. Il gruppo americano ha rifiutato di fare commenti sull’indiscrezione, mentre un portavoce Nokia ha affermato che si tratta di «una pura invenzione basata su rumors circolati su Internet».
Cisco è il maggior produttore di attrezzature Internet e ha un valore di 123 miliardi di dollari, mentre quello di Nokia si aggira sui 71 miliardi di dollari. Nokia ha un fatturato di 29,2 miliardi di euro, contro i 22 miliardi di dollari di Cisco. Proprio la settimana scorsa Nokia ha annunciato le dimissioni dell’amministratore delegato Jorma Ollila, che sarà sostituito dal responsabile del settore cellulari, Olli-Pekka Kallasvuo.