Voci di dimissioni, ma Musharraf dice: resto al mio posto

Islamabad. «Non ho nessuna ragione per dimettermi, e in caso di impeachment mi difenderò davanti al Parlamento con spirito democratico e in accordo alla Costituzione», ha detto Pervez Musharraf - secondo l’agenzia di stampa indiana Press Trust of India - durante una riunione con i suoi alleati, ieri. Da diversi giorni, la stampa internazionale, per primo il Financial Times, parla di imminente ritiro dalla scena politica del presidente pachistano. La sua decisione di rassegnare le dimissioni prima della presentazione della mozione di impeachment deriverebbe da un accordo: gli sarebbe stata garantita una libera uscita senza ulteriori strascichi legali o politici. Ieri, inoltre, Musharraf è stato l’oggetto di un presunto comunicato su Internet del leader di al Qaida, Ayman Al Zawahiri, che ha duramente attaccato il presidente pachistano, definendolo «uno dei più grandi nemici dell’islam». In un messaggio audio in inglese, Al Zawahiri critica anche l’esercito del Pakistan, che definisce «banda di mercenari» controllata dall’Amministrazione americana.