Vodafone in rialzo a Londra

L’attenzione degli ambienti borsistici internazionali era ieri di nuovo rivolta a New York, dopo il calo di fiducia dei consumatori negli Usa. Gli indici del Nyse, dopo un avvio positivo, hanno subìto limature che si sono aggirate sul mezzo punto percentuale. I listini hanno tuttavia registrato una diffusa irregolarità, con ribassi per i titoli «oil» di oltre l’1%, mentre in progresso si sono portati i tecnologici Rambus e Nvidia. Forte impennata, di oltre il 15%, per le Restoration Hardware, mentre cresce ancora Viropharma (più 11,4%). Indecise sulla via da prendere le piazze europee. Penalizzata Francoforte (meno 0,14%) dai ribassi dei titoli tecnologici e dei bancari: tra questi ultimi scivola Commerzbank, in calo dello 0,5% all’annuncio dell’acquisto della banca russa Promsvyazbank. Bene a Parigi i tecnologici, mentre a Londra arretrano i minerari, a eccezione di Antofagasta (più 2%). Guadagna Vodafone (più 1,1%) ai rumors di una cessione di Swisscom Mobile.