Voglia di monarchia a Bucarest: l'ex re in Parlamento

Michele I, sul trono romeno fino al 1947, fu in esilio durante il quarantennio comunista. Parlerà il 25 ottobre, giorno del suo novantesimo compleanno

A grande maggioranza, 203 voti a favore, 3 contrari e 46 astenuti, il parlamento romeno ha deciso che l'ex sovrano Michele I potrà tenere un discorso in parlamento il 25 ottobre prossimo durante una sessione solenne in occasione del suo novantesimo compleanno.
Si tratta della prima volta che l'ex re si rivolgerà in maniera ufficiale (dopo il 1947) alle Camere riunite. Re Michele I (figlio del Re Carlo II e della Regina Elena, nata Principessa di Grecia) fu incoronato, non avendo ancora compiuto i 6 anni, nel 1927 con una reggenza. Regnò poi dal 1940 al 1947, quando, dopo l'avvento del regime comunista, partì per l'esilio. Si tratta dell'ultimo capo di Stato del periodo prebellico ancora in vita.
Grande soddisfazione è stata espressa dall'Unione Monarchica Italiana, che riferisce di un grande fermento nostalgico nel paese e di manifestazioni e di feste in programma. Per l'anniversario del Re Michele I, segnala l'Umi, ci saranno diversi eventi tra cui un concerto all'Ateneo di Bucarest al quale sono stati invitati membri delle Famiglie Reali europee.
Michele I di Romania, tiene a ricordare l'Umi, è imparentato anche con la famiglia reale italiana: è cugino di primo grado del Principe Amedeo di Savoia, le loro madri (la Regina Elena di Romania e la Principessa Irene di Savoia-Aosta, Duchessa di Spoleto e poi d'Aosta, erano sorelle). La Regina Anna di Romania, spiega l'Unione Monarchica, è la nipote dell'ultimo Duca Roberto I di Parma e la sorella del Principe Michele di Borbone-Pama, marito della principessa Maria-Pia di Savoia.
A proporre l'evento era stato l'ex premier Calin Popescu Tariceanu, liberale del Pnl, suscitando non poche polemiche. Ieri, dopo l'iniziale voto negativo del comitato di presidenza delle Camere, in serata si era tenuta una diretta televisiva dal Castello Reale di Sinaia (il Castello Pelesh) in cui la Principessa ereditaria Margherita, primogenita di Re Michele, era stata intervistata e aveva ribadito che il popolo, affezionato al proprio re, era pronto a dimostrare la vicinanza alla Famiglia Reale.