«Vogliamo aprire 14 nuove rotte»

Eurofly prende al volo l’opportunità offerta dalla Grande Malpensa, ed è pronta ad operare quattordici nuove rotte, per un totale di 37 frequenze settimanali: la richiesta di autorizzazione è stata presentata ieri all’Enac e ai ministeri dello Sviluppo economico e degli Esteri. Si tratta di destinazioni internazionali, aggiuntive rispetto a quelle attualmente programmate sullo stesso scalo, attualmente poco o nulla servite da altre compagnie; tra le proposte più importanti di Eurofly ci sono Il Cairo, Tel Aviv, San Paolo, San Pietroburgo e Mosca. «Sono destinazioni, come la capitale russa, dove la domanda è superiore all’offerta - spiega l’ad Gianni Rossi (nella foto) - tanto che molti passeggeri sono obbligati a scegliere percorsi diversi perché non trovano posto sui voli diretti. La nostra proposta è di allargare le frequenze e rendere finalmente coerente l’offerta con la domanda, grazie alla possibilità che ci viene fornita dall’emendamento sulla liberalizzazione degli accordi bilaterali». Eurofly (gruppo Meridiana) è già il primo vettore nazionale, in termini di attività svolta e passeggeri trasportati, ad operare sull’aeroporto lombardo e nel 2009 opererà circa 4.200 movimenti trasportando 650.000 passeggeri. «Le nuove rotte saranno un vantaggio non solo per noi e per Malpensa, ma anche per i cittadini, perché la liberalizzazione farà abbassare i prezzi dei voli» aggiunge Rossi. Il titolo di Eurofly a Piazza Affari ha guadagnato l’11,11%.