Vola il greggio, ai massimi da agosto 2006

da Milano

Nuovi picchi per i corsi petroliferi. Ai nuovi massimi degli ultimi undici mesi si è arrivati sull’onda degli acquisti speculativi che hanno origine dalle stime dell’Aie (Agenzia internazionale per l’energia) secondo cui la capacità in surplus della produzione di greggio scenderà ai nuovi minimi nel 2012. Ad alimentare la domanda anche le tensioni in Nigeria e il prospettato calo della produzione irachena (del 5% annuo) per gli insufficienti investimenti esteri.
Negli scambi di ieri a Londra il barile di Brent, il greggio estratto dal Mare del Nord, è salito a quota 76,24, massimo dallo scorso 11 agosto. Sulla Borsa merci di New York, il Nymex, il barile di Wti ha raggiunto i 73 dollari, picco dal 25 agosto 2006. Per il Brent il record assoluto è di 78,64 dollari, mentre sul Nymex è stato di 78,40 dollari.
L’Opec ha precisato di non avere molti margini di manovra per abbassare i prezzi, dal momento che le scorte globali di greggio sono già a un livello sufficiente.