Volano i titoli sull’energia

La «guerra» del gas tra Russia e Ucraina non sembra riflettersi sui mercati finanziari d’Europa. Nel primo giorno di scambi del 2006, infatti, gli investitori hanno premiato le imprese del comparto, che hanno fornito rassicurazioni in merito alle forniture. Sono cresciute le tedesche E.On (+0,94%) e Rwe (+0,26%), l'austriaca Omv (+1,25%) e le olandesi Royal Dutch e Sbm Offshore (+0,62% e +1,76%). In Francia, bene Technip (+1,87%), Total (+0,75%) e Suez (+0,72%), Air Liquide (+0,80%), e Gaz de France (+0,24%), mentre in Spagna si sono segnalate Cepsa (+1,63%), Repsol (+1,18%) e Gas Natural (+0,89%). Infine, segno positivo per la svedese Lundin Petroleum (+1,49%) e per la finlandese Nesto Oil progredita dello 0,67%. A Piazza Affari, la giornata delle compagnie energetiche si è chiusa in rialzo, con Eni che ha guadagnato l'1,24%, Enel lo 0,83% e, fra i petroliferi, Erg l'1,72%. Bene anche Saipem (+1,65%) e Snam Rete Gas, salita dell'1,87%.