Voli low cost, proposta choc Ryanair si dovrà pagare per andare in bagno

L'ad Michel O' Leary, fa sapere che la compagnia aerea per mantenere bassi i costi sta valutando di applicare un ticket per aprire la porta del bagno: una sterlina 

Milano - Diciamolo subito, non è proprio comodissimo volare sui viaggi low cost. Si sta stretti - ma è lo stesso anche sugli altri aerei se si viaggia in classe economy - e non si riceve alcun genere di conforto. Niente bibite, noccioline o biscotti. Niente panini o pizzette. Ma se avete fame o sete nessun problema, basta aprire il portafoglio. Del resto, però, i voli low cost hanno rappresentato e rappresentano una grande svolta: hanno aperto a tutti, anche ai non benestanti, la possibilità di viaggiare in aereo spendendo pochissimo. Una vera e propria rivoluzione che ha "democratizzato" il sistema di trasporto più veloce.

Ticket per andare alla toilette Dicevamo che sui voli low cost si può mangiare e bere, basta pagare. Ma fra poco si dovranno sborsare dei soldi anche per andare al bagno. Incredibile ma vero. Sui voli della Ryanair presto potrebbe essere necessario pagare qualche spicciolo per andare in bagno. L’ha fatto sapere l'amministratore delegato Michel O' Leary, precisando che la compagnia aerea irlandese sta valutando anche questa misura per poter continuare a offrire tariffe basse. "Stiamo pensando alla possibilità di applicare una sorta di parchimetro alla porta del bagno dove i viaggiatori possano inserire oggi una sterlina (1,12 euro), un penny in futuro". 

"Nessun problema" Secondo O' Leary il bagno a pagamento non dovrebbe portare particolari problemi ai viaggiatori: "Non penso ci sia nessuno nella storia di Ryanair che sia salito a bordo con meno di una sterlina in tasca", ha spiegato l'ad della compagnia aerea irlandese. Ma è proprio così? Sono solo dettagli. Si potranno studiare, infatti, formule alternative di pagamento: tessere ricaricabili o sistemi di pagamento con carta di credito. Non saranno certo quei pochi soldi da dover sborsare per andare in bagno a scoraggiare i viaggiatori. E se uno dovesse trovarsi in volo con le tasche completamente vuote? Potrà sempre chiedere un piccolo prestito a qualcuno...