Volkswagen corre a Francoforte

New York procede lentamente, e ogni modesto rafforzamento degli indici riporta il mercato in prossimità dei livelli record segnati nel gennaio 2000, a quota 11722,98. I listini hanno comunque messo in mostra una accentuata irregolarità, specie di alcune blue chip. Sale intorno al 5% General Motors, mentre crolla Dell del 7% e Warnaco del 9,4%, all’annuncio di una trimestrale deludente; crollo che trascina Intel (meno 1,1%) e Hewlett Packard (meno 1,4%). Stop al rialzo dei petroliferi nei mercati orientali, con Petrochina che, ad Hong Kong, arretra dell’1,6%; nei tecnologici scendono di oltre il 2% Advantest e Quanta Computer. Irregolari le piazze europee, con Francoforte che chiude in leggero calo nonostante il balzo di Volkswagen (più 4,5%) che nei primi quattro mesi del 2006 ha venduto oltre un milione di macchine. Ancora in crescita a Parigi il titolo Arcelor (più 2,6%), dopo il rialzo dell’offerta da parte di Mittal. Ad Amsterdam vola Kpn (più 3,9 per cento).