Volkswagen Eos divertente e «4 stagioni»

L’hardtop è composto da 5 pannelli con tettuccio scorrevole di vetro e tendina parasole. Un allestimento. Da 29.600 euro

da Atene

La Golf e la Passat, i modelli chiave della gamma Volkswagen, sembrano senza tempo: non scadono mai nel gradimento del pubblico. Tuttavia, come ammette il responsabile del marchio Wolfgang Bernhard, «nel recente passato è mancato nella nostra offerta quel necessario pizzico di emozione in più».
A offrirlo adesso ci pensa Eos, la «scoperta» che già nel nome preso dalla divinità greca dell’aurora conferma l’intenzione di dare inizio a una nuova era. Eos è una convertibile a 2 porte e 2 posti più 2, ma con un moderno tetto rigido retrattile a comando elettrico al posto della tradizionale capote in tela. L’hardtop suddiviso in cinque pannelli integra un tettuccio scorrevole di vetro con tendina parasole. La Eos, quindi, rispetto alle altre coupé-cabriolet aggiunge la possibilità di viaggiare con la classica apertura di una parte del tetto che fa entrare nell’abitacolo la quantità di luce e aria adeguate alle mezze stagioni. Per stivare o estrarre l’hardtop basta premere l’apposito pulsante tra i sedili anteriori: l’operazione viene completata in soli 25 secondi. Il parabrezza anteriore poco sporgente facilita l’ingresso nella Eos scoperta, mentre i sedili anteriori con scorrimento a comando elettrico e ritorno automatico nella posizione precedente agevolano l’accesso ai posti dietro. Le linee sono muscolose ma non troppo: leggermente bombati i lati del cofano motore, appena accennato l’andamento a cuneo delle fiancate. A tetto chiuso, la linea ad arco del padiglione dona alla vettura un aspetto da coupé, mentre il frontale con la grande griglia cromata a U segnala l’appartenenza alla famiglia Volkswagen. In rapporto a lunghezza (4,41 metri) e altezza (1,44), la Eos è più larga del normale (1,79 metri con carreggiate di 1,55) e ciò la rende ben piantata sulle ruote, agile e maneggevole. Tre i motori disponibili inizialmente: sono il 2.0 a iniezione diretta di benzina in due varianti (aspirata da 150 cv e turbo da 200) e il turbodiesel TDI 2.0 da 140 cv, tutti abbinati a un ottimo cambio manuale a 6 marce.
Il piacere di guidare la Eos fa il paio con il comfort offerto dall’abitacolo in qualsiasi condizione di marcia, a cielo aperto sotto il sole ma anche a tetto chiuso con freddo e pioggia.
Limitata (ma non è una novità sulle cabrio) la capienza del bagagliaio: 380 litri che scendono a 205 con il tetto ripiegato. La Eos viene offerta in un solo allestimento, con un equipaggiamento di serie molto ricco. I prezzi partono da 29.604 euro (2.0 FSI) e arrivano a 33.304 (2.0 turbo TFSI). La Eos Diesel costa invece 31.605 euro.