Volkswagen, via al piano-esuberi: alla Seat previsti oltre 1.000 tagli

da Amburgo

Prenderà il via mercoledì prossimo il programma di riduzione dei costi alla Volkswagen, che prevede anche una riduzione del personale attraverso dimissioni incentivate. Il presidente della casa automobilistica tedesca, Bernd Pischetsrieder, ha annunciato che negli stabilimenti della Germania occidentale, dove sono occupate circa 100mila persone, gli esuberi potrebbero raggiungere le migliaia di unità. Nelle intenzioni di Wolfsburg, la cura dimagrante prevede il ricorso allo strumento dell’abbandono incentivato del posto di lavoro: ai dipendenti tra i 57 e i 61 anni, verrebbe infatti garantito l’85% del salario fino al momento del pensionamento. Ai lavoratori più giovani potrebbe invece essere applicata una riduzione dell’orario con corrispondente decurtazione della busta paga. Secondo la Frankfurter Allgemeine, oltre un migliaio dei 12.900 tagli che Volkswagen intende effettuare saranno realizzati alla spagnola Seat, controllata dal gruppo tedesco.