Il volley è in crisi, ecco perché

Che musi, sotto rete. E dire che il weekend ha portato una buona notizia per il volley azzurro: la Serbia vince il torneo di Smirne (3-2 alla Spagna) e ci garantisce un posto nell’ultima pool di qualificazione a Pechino, in agenda a primavera, estrema chance per partecipare ai Giochi. Ma la meta appare remota in questi giorni di titolari incerottati e processi senza sconti all’intero movimento. Dov’è finita l’Italia che vinceva e rideva? Forse ne sanno qualcosa due colonne delle generazione d’oro: Andrea Lucchetta, iridato 1990 da capitano prima del «grande freddo» con Julio Velasco, e Andrea Giani, 474 maglie azzurre, tre medaglie olimpiche, ora allenatore di Modena. Lucchetta e Giani, campioni e personaggi. Come l’Italia del volley non ne trova più.