Volley Dopo l’abbuffata mondiale, riparte la caccia a Cuneo

La pallavolo riparte da dove aveva finito: ieri è iniziato il campionato e le squadre più accreditate sono ancora le finaliste di maggio, i campioni in carica di Cuneo e Trento, che disputerà il mondiale per club. L'allenatore della Bre Banca Alberto Giuliani ha scritto ai tifosi: «Cuneo sarà il bersaglio di chiunque, sotto rete tutti vorranno crearci problemi. Lo scudetto sulle maglie però raddoppierà la nostra volontà, dobbiamo essere guerrieri: alleno uomini che non conoscono la parola appagamento».
Trento per il momento è senza lo schiacciatore Kaziyski, continua con il tecnico bulgaro Stoytchev che l'ha portata a vincere tutto: il cubano Juantorena è diventato italiano e dalla prossima stagione sarà convocabile in Nazionale. In seconda fila Piacenza, che ha inserito il libero azzurro Marra e la scorsa stagione ha vinto la Supercoppa, e Macerata: il nuovo coach Berruto, da 5 anni pure ct della Finlandia, ha inserito gli schiacciatori Savani e Conte e i centrali Stankovic e Vadeleux. Cercano il rilancio le rivali storiche degli anni '90: Treviso senza trofei da tre stagioni conferma l'allenatore Roberto Piazza e in regia si riaffida al discontinuo francese Pujol; a Modena il professor Prandi spera nella semifinale (mancata con la Bulgaria al Mondiale), grazie al russo Berezhko. Qualche ambizione per Latina, con gli schiacciatori serbi Kovacevic e Starovic (bronzo iridato ai danni dell'Italia) e per la matricola Roma, mentre Perugia si è trasferita a San Giustino.
Il 15 maggio la finale scudetto, di nuovo in gara unica. L'Italia ha diritto a tre posti in Champions League: saranno iscritte la vincitrice del titolo, della regular season e della Coppa Italia.

Prima giornata, oggi ore 18: Treviso-Forlì, Cuneo-San Giustino, Trentino-Castellana Grotte (diretta Raisport1), Macerata-Vibo, Latina-Modena, M.Roma-Verona. Ieri: Piacenza-Monza 0-3.